giovedì 27 novembre 2008

Disappointed by te behavior of Pd

Interview with Pasqualina Napoletano
(PSE - Democratic Left)
of Lanfranco Palazzolo
Voce Repubblicana, 28 November 2008

The leaders of the PSE are disappointed by the behavior of italian Pd. He told the “Voce” Mrs Pasqualina Napoletano, MEP of the Left Democratic entered in the PSE group.
Mrs Napoletano, the spirit in which participate in the forthcoming summit of the PSE in Madrid, Where you will sign the manifesto for Europe?
"We are a movement that has all its representatives in the Socialist group. In Italy we want to build a person of non-communist left. We participate at the summit in Madrid with the spirit of those who want to contribute to the PSE for greater subjectivity. So far, the PSE is only a sum of national parties rather than a supranational entity. This is our limit. But it is also the problem of many other European parties. "
Come look at the Pd attempt to enter the PSE?
"We hope that the Pd will adhere to the PSE or at least to the Socialist parliamentary group. We worked for it. And we don't have the syndrome minority of those who think they represent Italy in the European Socialists, because we are also aware of our limitations. I must say that the Pd - to which I have not joined - was born with a great ambiguity. Before founding this subject were clarified the elements relating to his political affiliation in Europe. Instead the leadership of the DS - which brings an enormous responsibility on this matter - wanted to build this Pd without clarifying the doubts. The European parliamentary representation of Pd is expressed between the PSE and the group Alde (European Liberals). The liberal group is liberal and libertarian. So I do not understand what we are doing to members of the Margherita, who are with politicians who in Europe governing the right. And I can understand the leaders of Pd-who dissolved the DS - we do know that this party still exists in Europe. And Fassino signing the manifesto for Europe on behalf of the DS. Politics is like math. In the end the lies are to comb. "
What tricks have been implemented to promote the Pd?
"At the congress of Puerto del PSE has changed the statute. This document was amended by writing that the PSE is organizing the Socialists, but even the Democrats. That seemed sufficient to ensure the accession of the Pd elected to the PSE group. But every day we witness the rejection of this perspective from Francesco Rutelli and other politicians. "
Fassino had made this difficulty to the PSE?
"He said that everything went well. The leaders of the PSE have trusted. But now the president of the Martin Schultz and the PSE President Poul Nyrup Rasmussen are very puzzled by the fact that a part of Pd not enter the PSE ".

Fassino ha deluso il Pse

Intervista a Pasqualina Napoletano (Pse - Sinistra democratica)
di Lanfranco Palazzolo
Voce Repubblicana, 28 novembre 2008

I dirigenti del Pse sono delusi dal comportamento del Pd italiano. Lo ha detto alla “Voce” l’onorevole Pasqualina Napoletano, parlamentare europea della Sinistra democratica iscritta nel gruppo del Pse.
Onorevole Napoletano, con quale spirito parteciperete alla prossimo vertice del Pse a Madrid, dove sottoscriverete il manifesto per le europee?
“Noi siamo un movimento che ha tutti i suoi esponenti presenti nel gruppo socialista. In Italia vogliamo costruire un soggetto di sinistra non comunista. Noi parteciperemo al vertice di Madrid con lo spirito di chi vuole contribuire per dare al Pse una maggiore soggettività. Finora il Pse è solo una sommatoria di partiti nazionali più che un soggetto sovrannazionale. Questo è un nostro limite. Ma è anche il problema di tanti altri partiti europei”.
Come guardate al tentativo del Pd di entrare nel Pse?
“Ci auguriamo che il Pd possa aderire al Pse o quantomeno al gruppo parlamentare socialista. Abbiamo lavorato per questo. E non abbiamo la sindrome minoritaria di quelli che pensano di rappresentare in Italia i socialisti europei, perché ci rendiamo anche conto dei nostri limiti. Devo dire che il Pd – al quale non ho aderito – è nato con una grande ambiguità. Prima di fondare questo soggetto andavano chiariti gli elementi relativi alla sua appartenenza politica in Europa. Invece il gruppo dirigente dei Ds – che porta un’enorme responsabilità su questa vicenda – ha voluto costruire questo Pd senza chiarire il dubbio. La rappresentanza europea dei parlamentari del Pd si esprime tra il Pse e il gruppo Alde (liberali europei). Il gruppo liberale è libertario e liberista. Quindi non capisco cosa ci stiano a fare gli esponenti della Margherita, i quali si trovano con esponenti politici che in Europa governano con la destra. E faccio fatica a comprendere i dirigenti del Pd -che hanno sciolto i Ds – che ci fanno sapere che questo partito esiste ancora in Europa. E Fassino firma il manifesto per le europee per conto dei Ds. La politica è come la matematica. Alla fine le bugie vengono al pettine”.
Quali escamotage sono stati messi in atto per favorire il Pd?
“Al congresso del Pse di Porto è stato cambiato lo statuto. Questo documento è stato modificato scrivendo che il Pse organizza i socialisti, ma anche i democratici. Questo sembrava sufficiente a garantire l’adesione degli eletti del Pd al gruppo del Pse. Ma ogni giorno assistiamo alla bocciatura di questa prospettiva da parte di Francesco Rutelli e di altri esponenti politici”.
Fassino aveva fatto presente questa difficoltà al Pse?
“Aveva detto che andava tutto bene. I dirigenti del Pse si sono fidati. Ma adesso il Presidente del gruppo Martin Schultz e il Presidente del Pse Poul Nyrup Rasmussen sono molto perplessi per il fatto che una parte del Pd non entrerà nel Pse”.