venerdì 19 dicembre 2008

Quel provvedimento di Brunetta è ottimo

Parla il senatore Gabriele Boscetto
Voce Repubblicana del 20 dicembre 2008
di Lanfranco Palazzolo

Il ddl Brunetta sulla Pubblica amministrazione è un ottimo provvedimento. Lo ha detto alla “Voce” il senatore Gabriele Boscetto del Popolo delle Libertà.
Senatore Boscetto, è soddisfatto di come sono andate le cose per quanto riguarda l’approvazione del ddl Brunetta al Senato?
“Quello di Brunetta è un ottimo provvedimento. In dichiarazione di voto ho anche fatto i miei complimenti al ministro Brunetta. E’ un grossissimo passo avanti nella regolamentazione del pubblico impiego che diventa lavoro pubblico e viene sottoposto ad una logica di premi e sanzioni, che già in parte esiste, ma non ancora nel modo in cui è stabilito da questa legge. In questo provvedimento c’è anche una norma importante su quella che è la trasparenza della P.A.. I cittadini potranno sapere i dati relativi allo stato delle loro pratiche. Inoltre vengono fissati degli standard del servizio e di qualità della produttività. Se questi standard non vengono rispettati, il cittadino potrà rivolgersi all’autorità giurisdizionale anche attraverso – eventualmente - un’azione collettiva. Ci sarà anche un’agenzia centrale, composta di cinque persone, che andrà ad esaminare tutti gli elementi di qualità delle pubbliche amministrazioni statali. Ricordo che questa legge non riguarda gli enti locali. L’impianto della legge è nuovo”.
Nel dibattito che si è svolto in aula giovedì, l’Udc ha detto che si poteva fare di più. Considera ingeneroso questo giudizio?
“Io dico che è una rivoluzione. Credo che quella che sia passata al Senato sia una legge veramente nuova. E ho anche visto che i rappresentanti dell’opposizione hanno avuto in molti casi un atteggiamento costruttivo su questo ddl”.
Si aspettava qualcosa di più dal Pd, che si è astenuto, o crede che il Partito democratico rappresenti le burocrazie statali?
“Mi aspettato dal Partito democratico un voto favorevole anche perché quasi tutti gli articoli sono stati approvati da questo gruppo parlamentare. Mentre poi il giudizio complessivo del Pd sulla legge, per qualche norma – che a mio avviso non aveva un particolare peso – è stato di astensione. Credo che il voto favorevole del Pd sarebbe stata la scelta migliore”.
Pensa che in questi pochi mesi di lavoro il ministro Brunetta abbia rivoluzionato la P.A.?
“Ho un’ottima opinione del lavoro del ministro Brunetta. Ho visto che l’opposizione ha criticato il ministro affermando che il discorso sui ‘fannulloni’ era solo uno spot. Penso che invece questo sia stato un discorso di grande capacità. Credo che da oggi in poi chi lavora nel settore della Pubblica amministrazione sarà premiato e gratificato sia economicamente che psicologicamente. Credo che questa polemica sui ‘fannulloni’ abbia permesso di parlare di questa legge di cui non avrebbe discusso nessuno perché troppo tecnica”.