martedì 30 marzo 2010

Il centrosinistra ha fatto scappare i suoi elettori

Intervista a Francesco Nitto Palma
di Lanfranco Palazzolo
Voce Repubblicana del 30 marzo 2010

Il centrosinistra ha allontanato gli elettori dalle urne. Lo ha detto alla “Voce” il sottosegretario agli Interni Francesco Nitto Palma.
Onorevole Nitto Palma, come è andata questa campagna elettorale per le elezioni regionali?
“Le mie valutazioni non sono positive nel senso che vi è stata una campagna elettorale con notevoli tensioni dovute ad interventi giudiziari, alcuni dei quali davvero molto discutibili. C’è stata la solita accentuazione del clima antiberlusconiano. Mi sembra che quello che è accaduto è la diretta conseguenza di questo clima politico”.
Cosa pensa di quello che è accaduto alla vigilia del voto?
“Se lei fa riferimento agli attentati contro la Lega e il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ritengo che questi siano due fatti gravissimi. L’attentato contro la Lega mira sostanzialmente ad intimidire l’azione del Governo nel settore del contrasto all’immigrazione clandestina che a me pare essere stato molto importante e in adesione con le idee della gente. L’attacco contro Silvio Berlusconi non è altro che l’ennesimo episodio di un clima di odio che esiste nel paese. Se facciamo riferimento ai fatti della campagna elettorale devo dire che le continue fuoriuscite di intercettazioni telefoniche e l’azione giudiziaria intrapresa da un giudice incompetente che, con un’ipotesi di accusa del tutto inverosimile, è stato un episodio grave”.
Anche il Csm è entrato nella campagna elettorale in corso?
“Penso che sia andata così. Come diceva giustamente il professor Vassalli, che è uno dei padri della patria, si è trasformato da organo di autogoverno dei giudici in organo di governo della magistratura. Il Csm è il terminale di tutta la politica associativa. Io credo che se si vuole ricondurre a ragione l’intero sistema è necessaria una riforma della giustizia. Ma è anche necessaria la riforma del Consiglio superiore della magistratura che, come viene riconosciuto da molti magistrati, costituisce la vera fonte di inquinamento della magistratura”.
Come interpreta la scarsa affluenza alle urne degli italiani soprattutto in Regioni come il Lazio. Pensa che questa assenza degli elettori sia la conseguenza di questo clima?
“Sarei molto prudente su questo. Voglio vedere il dato definitivo sull’affluenza degli italiani al voto prima di dare un giudizio definitivo. In queste settimane ho visto una politica molto propagandata e poco attenta ad affrontare i temi che interessano i cittadini. Questo metodo è stato messo in pratica dal centrosinistra. Sono loro i responsabili dell’allontanamento degli elettori dalle urne. Questo è quello che hanno saputo fare i candidati governatori del centrosinistra che hanno fatto la loro campagna elettorale. Ma la prudenza impone di vedere i dati definitivi sulla percentuale dei votanti”.

Nessun commento: