sabato 22 maggio 2010

Santoro, quanto ci costi!

Intervista ad Enzo Carra
Voce Repubblicana del 21 maggio 2010
di Lanfranco Palazzolo

Se la Rai doveva dare tutti quei soldi a Santoro tanto valeva tenersi “Annozero”. Lo ha detto alla “Voce” l’onorevole Enzo Carra dell’Udc.
Onorevole Carra, cosa pensa della fina di “Annozero” deciso da Michele Santoro dopo un accordo con l’azienda? Si parla di 10 milioni di buonuscita.
“Vorrei essere sicuro sulla cifra del compenso di Santoro visto che si parla molto della trasparenza dei compensi di chi lavora in Rai. E poi vorrei sapere cosa pensa Santoro della decisione che è stata presa dall’azienda. Queste due informazioni sono determinanti per dare una valutazione completa. Se fosse chiaramente così ci troveremmo di fronte ad una decisione direi sbagliata dell’azienda. Proprio in un momento in cui l’azienda è consapevole di andare incontro ad un bilancio in forte difficoltà. Bisogna anche riconoscere che Santoro, una volta di più, dimostra di essere un uomo di rara abilità”.
Si riferisce al fatto che ha tenuto all’oscuro tutta la redazione di Annozero della sua trattativa?
“Sì, questa scelta è proprio la conferma dell’abilità del personaggio. Certo, se dovessimo utilizzare il metro di giudizio che comunemente utilizza questo giornalista dovremmo dire che è stato scorretto. Ma io, a differenza di Santoro, non mi sono mai atteggiato a moralista, posso solo dire che la sua scelta è stata di rara abilità. Penso che i suoi collaboratori, che hanno seguito il capo ovunque e in ogni vicissitudine, forse dovevano essere avvertiti prima. Ma anche questa è una valutazione che non spetta a me. Sarei curioso di sapere quello che pensa Santoro di stesso. E come viene applicato il suo moralismo giornalistico su se stesso”.
Alcuni parlamentari, come ha fatto ad esempio Massimo Donadi dell’Idv, hanno fatto notare la scelleratezza della posizione della Rai, salvando dalle critiche Santoro.
“E’ una vicenda misteriosa. Al di la di tutto, vorrei ascoltare le valutazioni dei Consiglieri di amministrazione della Rai e del Direttore generale dell’azienda. Però, capisco anche la posizione degli esponenti dell’Italia dei Valori su Santoro. Se il giornalista ha avuto un effetto benefico per qualche partito politico, la posizione dell’Idv non deve sorprendere”.
La Rai può sopportare economicamente questa collaborazione? A quel punto non era meglio tenersi Annozero per sempre?
“Perché Santoro per sempre!? Prima o poi dovrà anche andare in pensione! Se la maggioranza o quelli che temono Annozero devono fare ponti di platino per Santoro pur di liberarsene, sarebbe comunque stato meglio tenersi quella trasmissione ad un prezzo accettabile”.
Adesso cosa penseranno gli operai delle piazza di Santoro dopo aver appreso questa notizia?
“Non ho mai fatto il demagogo come Santoro. Ma la storia ci insegna che i demagoghi vengono massacrati dai loro stessi seguaci”.

Nessun commento: