venerdì 8 ottobre 2010

HENRY PIOGGIA DI INCHIESTE

Il Tempo, 8 ottobre 2010
di Lanfranco Palazzolo


Henry pioggia di inchieste. Ormai lo sanno tutti che le iniziative giudiziarie del Pm Henry John Woodcock non approdano a molto. Secondo solo a Baltazar Garzon, il pubblico ministero spagnolo che si era messo in testa di processare il mondo intero, il nostrano Woodcock non gli è da meno. Appena quattro anni fa, il Presidente della Camera Gianfranco Fini gli consigliò di cambiare lavoro: “Woodcock – disse l'allora leader di An - è un signore che in un paese serio avrebbe cambiato già mestiere. Il Pm di Potenza ha una certa fantasia investigativa. Già da tempo si sarebbero dovuti prendere provvedimenti nei suoi confronti” (Dichiarazione del 18 giugno del 2006). Ma il Csm si è sempre guardato bene dal farlo. Come ha ricordato qualche giorno fa Giancarlo Perna su “Il Giornale”, sono ben 210 le persone che il pubblico ministero Woodcock ha tirato dentro le sue indagini e che poi si sono dimostrate innocenti. La posizione di Flavio Briatore è stata archiviata di fronte alle presunte irregolarità per il “Billionaire”; archiviazione anche per Francesco Storace in merito all'assegnazione di un immobile dello Iacp; la stessa misura viene presa anche nei confronti di Maurizio Gasparri, ingiustamente accusato di favoreggiamento. L'ultimo buco nell'acqua di Woodcock riguarda Vittorio Emanuele di Savoia, che viene arrestato il 16 giugno del 2006, per 7 giorni, con la grave accusa di associazione per delinquere. L'inchiesta approda a Roma dopo che il tribunale di Potenza si spogliò del caso invocando la propria incompetenza territoriale. Assolto perché il fatto non sussiste: con questa formula, il gup del tribunale di Roma, Marina Finiti, al termine del giudizio con rito abbreviato, lo scorso 22 settembre ha scagionato da ogni accusa Vittorio Emanuele di Savoia e altre cinque persone coinvolte nel filone di indagine denominato “Savoiagate”. Ma Woodcock è riuscito anche a far prosciogliere Fabrizio Corona nell'ambito dell'inchiesta infinita su Vallettopoli. Il proscioglimento di Corona è giunto dopo che il procacciatore di scoop si è fatto ben 80 giorni in carcere. Lo scorso 20 gennaio il gup del Tribunale di Potenza, Luigi Barrella, ha prosciolto Fabrizio Corona dall'accusa di associazione a delinquere finalizzata all'estorsione nell'ambito dell'inchiesta “Vallettopoli”. Per il giudice, esiste “il non luogo a procedere per l'associazione a delinquere”. Anche l'inchiesta che coinvolge alcuni esponenti politici della Basilicata, denominata “Iena 2”, finisce nel nulla. Però sul campo restano 51 arrestati che, alla prova del tribunale del riesame, vengono rimessi tutti in libertà. Ad essere rinviato a giudizio è il parlamentare del Partito democratico Antonio Luongo. Ma l'aspetto grottesco di tutte queste inchieste fallite o terminate di fronte al Giudice delle indagini preliminari, è che Woodcock si è dichiarato contro la logica di sbattere “il mostro” in prima pagina. Infatti, il Pm ha scritto la prefazione del libro di Federica Sciarelli “Il mostro innocente” (Rizzoli), che racconta la storia di Gino Girolimoni. L'uomo che fu accusato ingiustamente di essere “Il mostro di Roma”.

Nessun commento: