venerdì 8 gennaio 2010

Frederic Mitterand: l'intoccabile di Francia


Volevo parlarvi di uno dei personaggi più raccomandati di Francia. Si tratta del ministro della Cultura Frederic Mitterand. Nei giorni scorsi quest'uomo è caduto dal motorino e il Presidente della Repubblica francese Sarkozy si è subito "mobilitato" invitando i ministri del suo esecutivo a non andare in motorino o in treno. Mitterand gode di un particolare privilegio: tutto quello che fa è inattaccabile, giusto. In altre parole quest'uomo può fare tutto e il contrario di tutto. Nessuna polemica riesce a scalfirlo. Forza della potenza di un uomo di sinistra che naviga a destra. Quando lo scorso anno qualcuno aveva ricordato che il ministro sarkozyano era andato in un paese asiatico e aveva pagato alcuni giovani per fare sesso il ministro della Cultura è rimasto al suo posto e non si è posto nemmeno l'interrogativo se fosse il caso di abbandonare il suo dicastero. Beato Frederic Mitterand che può fare quello che non è permesso agli uomini politici meno raccomandati di lui. Viva il socialismo francese.
La Vicenda
Il caso Polanski rilancia le accuse di pedofilia e turismo sessuale contro Frédéric Mitterrand. Una mini-bufera che s’abbatte sul Presidente francese Nicolas Sarkozy il quale, affidando il ministero della Cultura al nipote dell’ex Presidente, gay dichiarato e politicamente distante dalla destra, aveva voluto giocare la carta dell’apertura trasversale. Ora anche i socialisti vanno all’attacco: “Sta al Presidente della Repubblica decidere se si possa essere impegnati nella lotta alla prostituzione dei minori, al turismo sessuale, come è impegnata la Francia, e allo stesso tempo avere un ministro che in un’autobiografia – così è descritta da alcuni siti di vendita – giustifica il commercio sessuale” ha detto Benoit Hamon, portavoce del Partito Socialista. Polemica ripescata dal Front National e basata sul libro di Mitterrand ‘La mouvaise vie’, del 2005. C’era nel libro, affidata a un personaggio specchio, l’eccitazione per le avventure sessuali nella Thailandia della prostituzione minorile. “Servirsi della vita privata per sferrare attacchi politici mi fa tornare in mente i peggiori momenti della nostra storia” è la difesa di Mitterand di Xavier Bertrand, Segretario Ump. Pochi giorni fa Mitterrand era interventuo in favore di Roman Polanski, detenuto in Svizzera da quasi due settimane: “Esiste una certa America che fa paura. E’ quell’America che mostra oggi il suo volto” aveva detto Mitterrand parlando del regista franco-polacco, di cui gli Stati Uniti chiedono l’estradizione: nel 1977 aveva avuto rapporti sessuali con una tredicenne.