giovedì 25 febbraio 2010

Mick Jagger "God gave me everything"

Quattro partiti acchiappatutto

Intervista a Marco Beltrandi
di Lanfranco Palazzolo
Voce Repubblicana del 25 febbraio 2010

Quattro partiti politici si spartiscono il 95 per cento degli spazi televisivi alla faccia del pluralismo e della libertà di informazione. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il deputato radicale nel Partito democratico Marco Beltrandi.
Onorevole Beltrandi, nel corso di un seminario sul ruolo della televisione pubblica ha denunciato una sorta di mafia delle apparizioni televisive che porta nelle trasmissioni di dibattito politico sempre le stesse facce.
“Con quella dichiarazione ho voluto dire che non esiste quella libertà di informazione propagandata dai conduttori televisivi. I fatti dimostrano che ci troviamo di fronte ad una lottizzazione feroce degli spazi televisivi. Altrimenti non sarebbe spiegabile come mai, negli anni, sono sempre gli stessi partiti quattro partiti politici ad accaparrarsi gli spazi televisivi più importanti. Queste forze politiche si spartiscono il 95 per cento degli spazi televisivi. E agli altri vengono sistematicamente lasciate le briciole”.
In queste elezioni regionali avete denunciato tante violazioni. Quale dramma state vivendo?
“Ho perso il conto delle violazioni che abbiamo visto in questo periodo. Quelle che stiamo vivendo sono senza dubbio le elezioni più antidemocratiche della storia del nostro paese, che ne ha conosciuti tanti di strappi alla legalità”.
Cosa pensa delle polemiche che hanno visto per protagonista Marco Travaglio e Michele Santoro ad “Annozero”? Tutti i fans di questi due divetti del teleschermo si stanno strappando le vesti per questa polemichetta. Cosa c’è di vero?
“Questa polemica è la conseguenza di uno strapotere illegittimo che in questi anni è stato riconosciuto alle trasmissioni televisive serali che parlano di politica. Se si pensa di avere un ruolo nell’orientare le coscienze dei lettori è naturale che tra alcune primedonne possano nascere dei contrasti. Sono rimasto sorpreso che questi contrasti, che riguardano anche ‘Porta a porta’, siano nati solo adesso. Non è un caso”.
Cosa ne pensa delle parole che ha utilizzato il Presidente della Rai Garimberti per descrivere lo stato comatoso del servizio pubblico televisivo?
“La Rai è un’azienda televisiva nella quale esiste una governance atipica. Il Presidente della Rai dovrebbe sapere che il vero problema della Rai è il sistema che lui stesso difende: quello della lottizzazione partitica. E’ proprio questo il vero cancro della televisione di Stato”.
Esiste un sistema che possiamo definire come Raiset (Rai+Mediaset)?
“Raiset esiste ed è fortissima. Esiste anche una ripartizione di spazi tra maggioranza ed opposizione. Anzi, tra i due maggiori partiti: Pd e Pdl. Esiste una sinistra televisiva che controlla i talk show per conto della maggioranza. E poi c’è la maggioranza che ha il controllo dei Tg. Il sistema Raiset è questo”.