domenica 29 maggio 2011

Hanno fallito perchè si sono affidati ad Italo Bocchino

Voce Repubblicana del 28 maggio 2011
Intervista a Vincenzo D'Anna
di Lanfranco Palazzolo

Futuro è libertà ha fallito perché si è affidato ad Italo Bocchino. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il senatore Vincenzo D’Anna di Iniziativa Responsabile.
Senatore D’Anna, nel dibattito che si è svolto mercoledì scorso sul decreto Omnibus ha parlato a nome del gruppo sostenendo il provvedimento varato dal Governo. Perché avete ribadito il sostegno al Governo Berlusconi?
“Questo decreto contiene tutta una serie di norme che riguardano la sanità, la Cassa depositi e prestiti, gli stanziamenti relativi al settore dei beni culturali, il sito archeologico di Pompei. Inoltre, questo provvedimento contiene anche la moratoria sul nucleare. Il provvedimento fornisce una serie di risposte importanti ad alcuni problemi che sono di grande rilevanza”.
Nei giorni scorsi era girate molte voci su una grave spaccatura del gruppo parlamentare di Iniziativa responsabile. Cosa c’è di vero?
“Il nostro gruppo parlamentare è cresciuto da 29 a 30 parlamentari. Noi siamo il quarto gruppo parlamentare per consistenza nel Parlamento. Il nostro gruppo parlamentare ha dimostrato di essere coeso sulla fiducia al governo Berlusconi. Quando si è votato il decreto omnibus tutti i parlamentari del nostro gruppo erano presenti in aula. Il nostro gruppo parlamentare non si è sfaldato perché qualche membro non è stato nominato sottosegretario”.
La stampa ha un atteggiamento negativo nei confronti del vostro gruppo parlamentare?
“L’avversione nei nostri confronti è dovuta solo alla nostra volontà di sostenere il governo. Dopo il voto del 14 dicembre scorso si è tentato di far passare i Responsabili come un gruppo politico di mercenari e di venduti della politica, dimenticando che in Parlamento ci sono deputati che sono stati eletti con il Pdl che sono passati con le opposizioni. Nel nostro gruppo la maggior parte dei parlamentari è stata eletta nel Popolo delle libertà. I deputati che giungono da altre forze politiche sono una minoranza. Il parlamentare che è stato attaccato di più del nostro gruppo è stato l’onorevole Scilipoti, che certo non meritava simili attacchi. Di fronte a queste accuse gratuite, l’onorevole Scilipoti ha dimostrato di essere una persona per bene, dimostrando di non voler entrare nel governo. Il suo comportamento ha spiazzato molti osservatori che si erano dichiarati molto critici nei nostri confronti”.
Come giudica il fallimento delle liste di Futuro e libertà al primo turno delle elezioni amministrative?
“Quando ci si affida a personaggi come Italo Bocchino, che è uno specialista in tattica della sconfitta, si può fare davvero ben poco. Lo stesso dicasi per Fabio Granata che tutto è tranne che un uomo di destra. Loro hanno fatto la scelta di mettersi contro il centrodestra dopo essere stati votati dall’elettorato moderato. Hanno sbagliato”.

Nessun commento: