mercoledì 1 giugno 2011

Cariche in scadenza: l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV

Il Consiglio dei ministri del 7 aprile 2011 ha deliberato la nomina dei componenti del collegio dell'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo ANSV. La IX Commissione trasporti della Camera aveva espresso parere favorevole su tutte le candidature ai sensi dell'art. 5 del D.Lgs. 25 febbraio 1999, n. 66, il 30 marzo 2011, mentre l'8ª Commissione lavori pubblici, comunicazioni del Senato aveva espresso pareri favorevoli sulle proposte di nomina di Arnaudo e Gasparetto e contrario su quella relativa a Bulgherini, il 23 marzo 2011. I tre candidati erano già stati componenti del collegio tra il 2005 e il 2010.
Si ricorda che il Consiglio dei Ministri del 17 dicembre 2010 aveva deliberato la nomina di Bruno Franchi a presidente dell'Agenzia, perfezionata con D.P.R. del 3 febbraio 2011. Sulla relativa richiesta di parere parlamentare la IX Commissione della Camera aveva espresso parere contrario il 1° dicembre 2010, mentre l'8° Commissione del Senato esprimeva parere favorevole il successivo 7 dicembre. Bruno Franchi ha già svolto due mandati come presidente dell'Agenzia, essendo stato nominato dapprima con D.P.R. del 14 ottobre 1999, e poi confermato con D.P.R. del 7 febbraio 2005, entrando poi in carica come commissario straordinario dal 16 marzo 2010.
L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo è stata istituita con il D.Lgs. 25 febbraio 1999, n. 66, in attuazione delle disposizioni contenute nella direttiva comunitaria 94/56/CE del 21 novembre 1994, ed è una istituzione pubblica posta sotto la vigilanza della Presidenza del Consiglio dei ministri. I suoi compiti principali sono lo svolgimento di inchieste tecniche relative agli incidenti ed agli inconvenienti occorsi ad aeromobili dell’aviazione civile, emanando, se necessario, le opportune raccomandazioni di sicurezza, e lo svolgimento di attività di studio e di indagine al fine di favorire il miglioramento della sicurezza del volo.
Sulla Gazzetta ufficiale n. 267 del 15 novembre 2010 era stato pubblicato il D.P.R. n. 189 del 5 ottobre 2010, recante il regolamento concernente il riordino dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo, a norma dell’articolo 26, comma 1, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133. In esso, tra l'altro, è disposto che: Art. 1. Il presente regolamento concerne il riordino strutturale dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo attraverso la razionalizzazione degli organi deputati alle attività di indirizzo, amministrazione, gestione e controllo, al fine di conseguire generali economie d’impiego, nonché di incrementare l’efficienza e migliorare la qualità dei servizi istituzionali. Art. 2. 1. Sono organi dell’Agenzia: a) il presidente; b) il collegio, composto da tre membri [e non più 4 come era previsto dall'articolo 4 del D.Lgs. 25/2/1999, n. 66]; c) il collegio dei revisori dei conti (...). 2. Il presidente è nominato con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri. 3. I membri del collegio sono nominati con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta, rispettivamente, uno [e non più due, come era previsto dall'articolo 5, comma 2 del citato D.Lgs. n. 66/1999] del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, uno del Ministro dell’interno e uno del Ministro della giustizia. 4. Il presidente e i membri del collegio sono nominati previo parere delle competenti commissioni parlamentari. (...). 6. Il presidente e i membri del collegio sono scelti tra soggetti di chiara fama e indipendenza, di provata capacità tecnica e giuridico-amministrativa e di riconosciuta esperienza nel settore aeronautico, con particolare riferimento alla gestione di problematiche relative alla sicurezza del volo, rimangono in carica cinque anni e possono essere confermati per una volta. A proposito del suddetto limite però, il comma 1 dell'articolo 6 stabilisce che: in sede di prima attuazione del presente regolamento, non si applica quanto disposto dall’articolo 2, comma 6, in merito al limite massimo dei due mandati del presidente e dei membri del collegio.

Nessun commento: