sabato 8 gennaio 2011

Il giorno che Bocchino minacciò Rotondi

Come qualcuno saprà, oggi la casa del ministro Rotondi, a Roma, e' stata messa a soqquadro da sconosciuti. Lo hanno scoperto gli uomini della Digos e della Scientifica che hanno aperto la porta dell'abitazione dopo che ieri la serratura era stata resta inutilizzabile. Sembrava uno scherzo e invece hanno trovato la scena di una casa messa completamente sottosopra. Gli ignoti sono entrati senza forzare la porta. I mobili sono stati rotti alla ricerca di possibili doppi fondi e tutti i telefoni sono stati smontati. Senza voler accusare nessuno, dobbiamo constatare che Rotondi aveva recentemente subito delle minacce da un altro politico che è sicuramente estraneo a questa vicenda. Il titolo è de "Il Giornale" del 9 dicembre scorso.