lunedì 21 maggio 2012

I rapporti parlamentari tra Italia & USA



Incontri bilaterali
Giova segnalare che i rapporti parlamentari nel corso della XVI legislatura hanno ricevuto un notevole impulso sia sotto il profilo quantitativo che sotto quello qualitativo soprattutto in ragione dei frequenti incontri che si sono avuti a livello presidenziale. Lo stesso Presidente Fini, infatti, si è recato per ben due volte negli Stati Uniti ed ha ricevuto per tre volte la visita della onorevole Nancy Pelosi, due in qualità di Speaker della Camera dei Rappresentanti, una come minority leader.
Visite del Presidente Fini negli Stati Uniti
Washington, 4-5 marzo 2012
Il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, si è recato in visita ufficiale negli Stati Uniti il 4 e il 5 marzo 2012. Nel corso della visita, il Presidente Fini ha preso parte all'annuale Conferenza dell'AIPAC (American Israel Public Affairs Committee), gruppo di pressione statunitense per il supporto allo Stato d'Israele. Durante i lavori della Conferenza, il Presidente della Camera ha rivolto ai partecipanti un indirizzo di saluto. Nella giornata di domenica 4 marzo, il Presidente Fini ha incontrato il Presidente degli Stati Uniti d'America, Barack Obama. Lunedì 5 marzo hanno avuto luogo incontri con il Segretario di Stato alla sicurezza interna, Janet Napolitano, con il Direttore esecutivo per l'Italia del Fondo Monetario Internazionale, dottor Arrigo Sadun, con il Presidente della Camera dei Rappresentanti, John Boehner, con la leader della minoranza alla Camera dei Rappresentanti e già Presidente della Camera stessa, Nancy Pelosi, con una delegazione del caucus italo-americano del Congresso statunitense, guidata dai co-presidenti Bill Pascrell e Patrick Tiberi
Washington e New York, 3-4 febbraio 2010
Il Presidente Fini si è recato in visita negli Stati Uniti dal 3 al 4 febbraio 2010. La visita era volta a ricambiare quella effettuata dalla Speaker Nancy Pelosi il 16 febbraio 2009. Nella giornata del 3 febbraio il Presidente Fini ha incontrato il Vice Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. È quindi stato ricevuto al Congresso dove, si è svolta la cerimonia di consegna alla Biblioteca del Congresso di un volume donato dal Presidente della Camera alla Speaker Nancy Pelosi; in serata si è tenuto un pranzo a Villa Firenze in onore del Presidente della Camera cui hanno partecipato esponenti del Congresso, dell’Amministrazione ed altre personalità. Il 4 febbraio il Presidente Fini ha incontrato dapprima il Presidente della Commissione Esteri del Senato, John Kerry, quindi la Presidente Pelosi e successivamente ha avuto un incontro allargato con altri parlamentari di maggioranza ed opposizione e di origine italiana. Quindi, il Presidente Fini si è recato a New York, dove ha incontrato il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon e ha pranzato con la comunità italo-americana. Inoltre, ha visitato una manifestazione di promozione di vini italiani promossa dall’ICE.
In particolare, il Presidente della Camera dei Deputati, on. Gianfranco Fini, ha incontrato l’onorevole Nancy Pelosi ben sette volte dall’inizio della legislatura: cinque quando questa era Speaker della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, e due come capogruppo di minoranza.
Il Presidente Fini ha infatti incontrato la Presidente Pelosi nelle seguenti occasioni:
1.      la prima volta il 2 settembre 2008 a Hiroshima, a margine della annuale Riunione dei Presidenti delle Camere dei Paesi del G8;
2.      la seconda volta il 16 febbraio 2009, in occasione della visita ufficiale della Presidente Pelosi in Italia dal 15 al 18 febbraio. La Speaker era accompagnata da una delegazione della sua Assemblea, composta dagli onorevoli John Larson, George Miller, Rosa DeLauro, William Pascrell, Anna Eshoo, Edward Markey e Michael Capuano. Si trattò del primo incontro bilaterale di alto livello successivo all’insediamento della nuova Amministrazione. Dopo l’incontro, la Presidente Pelosi ha tenuto, presso la Sala della Lupa di Palazzo Montecitorio, una conferenza sul tema “Alleati forti per un futuro sicuro".
3.      la Presidente Pelosi ha partecipato alla VIII riunione del G8, che si è svolta a Roma, presso la Camera dei deputati, il 12 e 13 settembre 2009, nel corso della quale ha svolto la relazione nella sessione dedicata al tema: “Il ruolo dei Parlamenti nella promozione del dialogo interculturale e dell’integrazione sociale”.
4.      nel corso del viaggio del Presidente Fini negli Stati Uniti dal 3 al 4 febbraio 2010 (vedi sopra).
5.      successivamente, l’ha nuovamente incontrata il 10 settembre 2010, in Canada, a margine della IX Riunione dei Presidenti delle Camere dei Paesi del G8.
6.      il 21 marzo 2011, il Presidente Fini ha ricevuto Nancy Pelosi, in qualità di Leader della minoranza nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'America, invitata a Roma per partecipare al concerto tenuto nell’Aula della Camera dei deputati per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.
7.      da ultimo, il Presidente Fini ha incontrato l’onorevole  Pelosi, sempre in qualità di leader della minoranza alla Camera dei Rappresentanti, nel corso della visita ufficiale negli Stati Uniti effettuata il 4 e il 5 marzo 2012.
Nel corso della legislatura il Presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini, ha avuto i seguenti ulteriori incontri.

Il 7 maggio 2012 il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, ha incontrato una delegazione dell'Italy – America Chamber of Commerce (IACC), guidata dalPresidente dell’Associazione, Claudio Bozzo. L’organizzazionefesteggia nel 2012 i 125 anni dalla sua fondazione.  Per tale ragione il Presidente ha inviato, il 30 marzo 2012, un messaggio di felicitazioni al Presidente Bozzo.
Il 16 novembre 2011 il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, ha incontrato una delegazione dell'American Israel Public Affairs Committee (AIPAC), lobby statunitense filoisraeliana.
L’8 novembre 2011, il Presidente Fini ha incontrato una delegazione dell’American Society of the Italian Legions of Merit (ASILM - associazione che ha lo scopo di rafforzare i legami di amicizia tra l’Italia e gli Stati Uniti), guidata dal nuovo presidente Lucio Caputo. Il 24 settembre 2009, il Presidente Fini aveva già incontrato una delegazione dell’ASILM, allora guidata dal presidente Dominic Massaro.
Il 12 luglio 2011, Il Presidente Fini ha incontrato David Harris, Direttore esecutivo dell’American Jewish Committee, organizzazione ebraica in difesa dei diritti umani operante negli Stati Uniti. Il Presidente Fini aveva già incontrato Harris il 1° luglio 2010, in occasione di una visita di una delegazione dell’American Jewish Committee guidata dal Presidente, Robert Elman.
Il 2 giugno 2011, in occasione delle celebrazioni per il 150mo anniversario dell’Unità d’Italia, il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha avuto un incontro informale con  il Vice Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden.
Il 12 maggio 2011, il Presidente della Camera dei deputati, on. Gianfranco Fini, ha incontrato una delegazione del B'nai B'rith - organizzazione ebraica di volontari che opera nel campo delle attività sociali - guidata dal presidente del Comitato esecutivo, Allan Jacobs.
Il 3 novembre 2010, il Presidente Fini ha incontrato una delegazione dell’Anti Defamation League (ADL), organizzazione statunitense che opera nel campo della difesa dei diritti civili, battendosi contro l’antisemitismo e ogni forma di pregiudizio e intolleranza, guidata dal suo Direttore Abraham Foxman. Un precedente incontro aveva avuto luogo l'11 novembre 2009.
L’11 febbraio 2009, ha incontrato una delegazione della Conferenza dei Presidenti delle principali Organizzazioni Ebraiche americane, guidata da Alan Solow, Presidente, e da Malcolm Hoenlein, Vice Presidente Esecutivo, nell’ambito di una vista in Italia per incontri ad alto livello con esponenti del Governo e delle Istituzioni, funzionari civili e militari, personalità del mondo economico e dell’impresa nonché con i rappresentanti della Comunità ebraica locale.
Il 19 giugno 2008, ha incontrato una delegazione del Consiglio direttivo della Fondazione nazionale italo americana (NIAF), composta da Kenneth Ciongoli, Chairman, Sal Zizza, Presidente, Francesco Nicotra, Vice Presidente e Rappresentante in Italia.
Il Presidente Fini ha inoltre ricevutoil nuovo Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, S.E. David Thorne, l'11 settembre 2009; il Presidente aveva ricevuto il precedente Ambasciatore degli Stati Uniti, Ronald Spogli, in due occasioni: il 5 gennaio 2009 e il 19 maggio 2008. Inoltre, il Presidente ha ricevuto il precedente Ambasciatore d'Italia a Washington, Giovanni Castellaneta, il 2 febbraio 2009.

Protocollo parlamentare
Tra la Camera dei Deputati italiana e la Camera dei Rappresentanti statunitense vige un Protocollo di cooperazione parlamentare, siglato a Roma il 9 dicembre 2002, dal Presidente Pier Ferdinando Casini e dal Presidente Dennis Hastert in occasione della visita ufficiale di quest’ultimo presso la Camera dei deputati.
Il Protocollo prevede la creazione di uno specifico Gruppo parlamentare di collaborazione, che si riunisca alternativamente in Italia e negli Stati Uniti per approfondire ed incentivare l'analisi e il confronto su temi di comune interesse come il ruolo dei Parlamenti nella lotta contro il terrorismo e il narcotraffico, lo sviluppo delle relazioni tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione europea, il ruolo della NATO, la qualità della legislazione, il commercio internazionale e la ricerca scientifica e tecnologica. Il Protocollo, inoltre, prevede lo studio di iniziative congiunte che valorizzino la comunità italiana residente negli Stati Uniti d'America.
       Nella XVI legislatura il Gruppo è presieduto dall’on. Alessandro Ruben (Futuro e Libertà. Per l’Italia) e ne fanno parte gli onn. Annagrazia Calabria (PdL), Massimo Donadi (IdV), Anna Teresa Formisano, (UdC), Giovanna Melandri (PD), Giacomo Stucchi (LNP) e Valentino Valentini (PdL).

Il Gruppo di collaborazione italo-americano era stato costituito sia nella XIV che nella XV legislatura, ma non si è mai riunito.
Commissioni
Dal 23 al 27 gennaio 2012 si è svolta a Washington la visita di una delegazione della Commissione parlamentare d'inchiesta sui fenomeni della contraffazione e della pirateria in campo commerciale, guidata dall'on. Giovanni Fava, Presidente della Commissione, e composta dall'on. Giustina Mistrello Destro (PdL) e dall'on. Giovanni Sanga (PD)Il 15 dicembre 2009, il Presidente della Commissione Affari Esteri, on. Stefano Stefani, ha incontrato il Ministro dell'Ambasciata degli Stati Uniti d'America, Barbara Leaf che aveva già incontrato il 16 settembre 2009.
L'11 novembre 2009, la Commissione Cultura della Camera ha effettuato l'audizione del Presidente della Commissione Scienza e tecnologia della Camera dei rappresentanti del Congresso degli Stati Uniti, Bart Gordon.
Il 17 giugno 2009, il Presidente della Commissione Finanze, on. Gianfranco Conte, ha incontrato Lyndon LaRouche, economista ed esponente politico statunitense.
Cooperazione multilaterale
Gli Stati Uniti sono membri delle Assemblee parlamentari della NATO e dell'OSCE, nel cui ambito hanno ricoperto posizioni di vertice. Si ricorda, infatti, che l'Assemblea parlamentare della NATO è stata presieduta, dal novembre 2008 al novembre 2010, dal democratico John Tanner e, dal novembre 2002 al novembre 2004, dal repubblicano Douglas Bereuter. Parimenti l'Assemblea parlamentare dell'OSCE è stata presieduta, dal luglio 2004 al luglio 2006, dal democratico afroamericano Alcee Hastings.
Gli Stati Uniti hanno ospitato a Washington la XIV Sessione annuale dell’Assemblea OSCE dal 1° al 5 luglio 2005.
In vista della missione di osservazione delle elezioni presidenziali e parlamentari americane del 4 novembre 2008, organizzata dall’Assemblea parlamentare dell’OSCE, il 22 e 23 settembre 2008 si è svolto a Washington DC, presso il Congresso degli Stati Uniti, un Seminario, organizzato dall'Assemblea OSCE e dalla Commissione Helsinki del Congresso, cui hanno partecipato politici democratici e repubblicani, esperti e studiosi del settore, giornalisti, nonché i responsabili della campagna elettorale del sen. Obama e del sen. McCain.
Obiettivo dell’incontro era fornire ai parlamentari presenti il quadro politico americano, con riferimenti anche di carattere istituzionale, nonché informazioni sul ruolo dei mezzi di informazione nella campagna l’elettorale, sulle principali problematiche poste dalle procedure elettorali, sulle strategie dei due principali candidati alla presidenza. Erano presenti per la delegazione italiana, il Presidente della stessa, on. Riccardo Migliori (PdL), gli onorevoli Emerenzio Barbieri (PdL), Claudio D’Amico (LNP), Pierluigi Mantini (PD), Matteo Mecacci (PD), Guglielmo Picchi (PdL), e i senatori, Laura Allegrini (PdL), Andrea Marcucci (PD), Nino Randazzo (PD). A margine dei lavori, la delegazione italiana ha incontrato l’Ambasciatore d’Italia a Washington ed alti funzionari dell’Ambasciata per un briefing sulla situazione politica ed economica americana e sull’andamento della campagna elettorale (per la partecipazione alla missione di osservazione vedi infra).
La delegazione italiana presso l’Assemblea OSCE, in vista della missione di osservazione delle elezioni americane, aveva incontrato il 16 ottobre 2008, l’Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia dell’epoca, Ronald Spogli.
Nell’ambito delle attività dell’Assemblea NATO, a partire dal 2000, gli Stati Uniti ospitano, sempre a Washington, presso la sede della National Defence University, il Forum parlamentare transatlantico. Si tratta di uno dei maggiori impegni dell’Assemblea e rappresenta la principale occasione di dialogo transatlantico su tematiche di interesse comune in materia di difesa e sicurezza nonché occasione di incontro con i parlamentari americani. L'ultimo Forum si è svolto il 5 e 6 dicembre 2011 e vi hanno partecipato gli onorevoli Paolo Guzzanti, Arturo Parisi, Lanfranco Tenaglia, Gianni Vernetti e i senatori Lamberto Dini, Elio Lannutti, Lucio Malan. Le precedenti riunioni del Forum si sono svolte rispettivamente: il 6 e 7 dicembre 2010 vi ha partecipato l’on. Gianni Vernetti (Misto). Le due precedenti riunioni del Forum si sono svolte rispettivamente il 7 e 8 dicembre 2009 e vi hanno partecipato gli onorevoli Giorgio La Malfa (Misto) e Arturo Parisi (PD); e il 15 e 16 dicembre 2008 e vi avevano partecipato gli onorevoli Italo Bocchino (PdL), Giancarlo Giorgetti (LNP), Paolo Guzzanti (PdL); in tale occasione i deputati hanno incontrato il Presidente della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi.
Sempre nell’ambito dell’attività dell’Assemblea parlamentare della NATO, ogni anno viene organizzata una visita negli Stati Uniti della Commissione Difesa e sicurezza. La missione si articola in incontri istituzionali a Washington, presso il Congresso con le competenti Commissioni del Senato e della Camera dei Rappresentati, con gli alti funzionari del Dipartimento di Stato, della Difesa e del Consiglio di sicurezza nazionale, nonché in una visita ad una base militare. Nel 2012 la missione si è svolta dal 1° al 5 febbraio con la partecipazione degli onorevoli Giorgio La Malfa (Misto) e Francesco Bosi (UDCpTP) e il senatore Antonello Cabras (PD). La visita si è articolata in due parti: la prima, a Washington con incontri al Pentagono, al Dipartimento di Stato e al Congresso, compresa una visita all'Accademia navale di Annapolis (Maryland); la seconda, a Dayton, alla base aerea di Wright Patterson. Nel 2011 la visita ha avuto luogo dal 31 gennaio al 4 febbraio, con incontri istituzionali al Dipartimento della Difesa, all’Agenzia per la difesa missilistica, al Dipartimento di Stato, al Council for Foreign Relations e al Congresso. La visita è proseguita a San Diego, al Quartier generale del Comando della Terza Flotta americana, quindi alla Base Navale San Diego con visite alle navi da guerra USS Freedom e USS DDG-53 per la difesa missilistica e infine al Comando per i sistemi da guerra navale e spaziale. Alla missione ha partecipato l’on. Giorgio La Malfa (Misto-Liberal democratici repubblicani). Nel 2010 la visita si è svolta dal 25 al 29 gennaio, con incontri al Congresso e al Dipartimento di Stato dove i parlamentari hanno incontrato Richard Holbrooke, Rappresentante speciale per l’Afghanistan e il Pakistan. I delegati hanno quindi proseguito la missione recandosi in Florida dove hanno effettuato una visita alla Base aerea di Hurlburt, quartier generale delle Operazioni speciali delle Forze aeree; quindi hanno proseguito per Tampa con incontri al Comando Operazioni speciali degli Stati Uniti (SOCOM) e al Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) dove hanno incontrato il gen. David Petreus.
Alla missione ha partecipato l’on. Giorgio La Malfa (Misto-Liberal democratici repubblicani). Nel 2009 la visita si è svolta dal 26 al 30 gennaio ed ha avuto come tema la difesa missilistica. Sono stati svolti pertanto incontri anche all’Agenzia per difesa missilistica. Alla missione hanno preso parte l’on Francesco Bosi (UDC) e l’on. Giorgio La Malfa (Misto-Liberal democratici repubblicani), che hanno visitato la base aerea di Peterson a Colorado Springs e la Base aerea Vandenberg in California.
Dimensione parlamentare del G8
Gli Stati Uniti fanno parte della dimensione parlamentare del G8.
La Presidente Pelosi ha partecipato alla IX riunione parlamentare del G8 svoltasi ad Ottawa dal 9 al 12 settembre 2010. Si segnala che la Presidente Pelosi ha partecipato anche all’VIII Riunione dei Presidenti delle Camere Basse dei Paesi del G8, che si è svolta a Roma, presso la Camera dei deputati, il 12 e il 13 settembre 2009, ed ha svolto la relazione introduttiva nella seconda sessione sul “Ruolo dei Parlamenti nella promozione del dialogo interculturale e dell’integrazione sociale”.
Gli Stati Uniti non hanno partecipato alla X riunione, tenutasi a Parigi dal 9 al 10 settembre 2011.
La prossima riunione si dovrà tenere nel 2012 negli Stati Uniti.
Il Dialogo dei Legislatori sui Cambiamenti climatici dei Paesi G8+5
Nell’ambito della dimensione parlamentare del G8, gli Stati Uniti fanno altresì parte del Dialogo dei Legislatori sui Cambiamenti climatici dei Paesi G8+5, che vede coinvolti i rappresentati legislativi dei paesi del G8 insieme a 5 paesi in fase di avanzato sviluppo (Cina, India, Messico, Brasile e Sud Africa) e che si pone l’obiettivo di discutere un accordo sui cambiamenti climatici “post-2012”, ovvero successivo alla prima scadenza del Protocollo di Kyoto, sulla riduzione delle emissioni dei gas serra, al fine di stabilire la più ampia convergenza sugli obiettivi ambientali a livello mondiale. In occasione del Vertice G8 di Gleaneagles venne affidato all’organizzazione Globe il compito di curare l’organizzazione del dialogo a livello parlamentare sui cambiamenti climatici tra i Paesi del G8+5 e di tenere a tal fine i rapporti anche con i relativi Governi e con la Banca Mondiale.
Gli Stati Uniti hanno ospitato a Washington, dal 14 al 15 febbraio 2007,iI II Forum del Dialogo dei Legislatori sui Cambiamenti climatici dei Paesi G8+5.
La Camera dei deputati italiana ha ospitato il VI Forum, il 12 e 13 giugno 2009, in connessione con il turno di Presidenza italiano del G8. Al Forum non ha partecipato alcun parlamentare americano.
Il Presidente della Commissione per l’Energia e i riscaldamento globale statunitense, on. Ed Markey, ha invece condotto i lavori del Forum di Copenaghen, tenutosi il 24 e il 25 ottobre 2009, presso il Parlamento della Danimarca, nel corso del quale è stato predisposto un documento che è stato  sottoposto alla Conferenza delle Parti sul Clima di Copenaghen (Cop15). Per il Parlamento italiano hanno preso parte al Forum, in rappresentanza della Camera dei Deputati, gli onorevoli Anna Teresa Formisano, del Gruppo dell'UDC, componente della Commissione Attività produttive, e Renato Walter Togni, del Gruppo della Lega Nord Padania, della Commissione Ambiente. Il Senato non era rappresentato.
La Speaker della House of Representatives statunitense, on. Nancy Pelosi, ha inviato un saluto via video e ha ricordato i cambiamenti intervenuti con il cambio di Amministrazione avvenuto negli Stati Uniti, che vuole marcare la differenza rispetto al passato.
III World e-Parliament Conference
Una delegazione della Camera dei deputati, guidata dal Vice Presidente, on. Maurizio Lupi, ha partecipato ai lavori della III World e-Parliament Conference, ospitata nelle giornate del 3-5 novembre 2009 dalla House of Representatives e aperta dalla Speaker, Nancy Pelosi.
Il Vice Presidente Lupi ha preso la parola nella prima sessione Connecting Parliaments and citizens: new technologies to foster openness, transparency and accountability, riportando l’esperienza e le più recenti iniziative della Camera dei deputati nella promozione della comunicazione istituzionale e del dialogo fra cittadini ed istituzione parlamentare attraverso le tecnologie WEB.
La Conferenza internazionale di Washington rientra fra le numerose iniziative del Centro Globale per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione nei parlamenti, nato nel 2005 su iniziativa delle Nazioni Unite, dell'Unione interparlamentare e di alcuni Parlamenti tra cui la Camera dei deputati italiana, che nel novembre 2006 ha stabilito la sua sede a Roma con il sostegno del Ministero degli esteri  italiano, divenendo rapidamente la principale sede di iniziativa e confronto interparlamentare nel campo delle applicazioni delle tecnologie informatiche e di coordinamento delle iniziative di assistenza tecnica a parlamenti di nuove ed emergenti democrazie e di paesi in via di sviluppo.
Quella di Washington è stata la terza Conferenza organizzata dal Global Centre: La prima edizione (novembre 2007) si era tenuta nella sede delle Nazioni Unite a Ginevra, la seconda si è tenuta nel 2008 ed è stata ospitata a Bruxelles dal Parlamento Europeo.
I lavori della Conferenza di Washington sono stati aperti dalla Presidente della House of Representatives, Nancy Pelosi, dal Vice Segretario Generale delle Nazioni Unite, Sha Zukang, dal Segretario Generale dell'Unione Interparlamentare, Anders B. Johnsson, dal Presidenti dell’Assemblea del popolo egiziana, Ahmed Fathy Sorour e dalla Vice Presidente dell'Assemblea nazionale ungherese Ildiko Gall Pelcz,questi ultimi in quanto Co-chair in carica del Centro Globale.
Missioni di monitoraggio elettorale
Una componente della delegazione italiana presso l'Assemblea parlamentare OSCE ha partecipato alle missioni di osservazione delle elezioni presidenziali e parlamentari americane, rispettivamente del 4 novembre 2008 e del 2 novembre 2010.
Nel 2008, i parlamentari italiani presenti, dopo una giornata di lavori a Washington, sono stati dislocati in alcuni degli stati federali per seguire l'ultimo fine settimana di campagna elettorale e quindi il giorno delle elezioni. La sen. Laura Allegrini (PdL) è stata nominata capo del Team di osservatori in Florida, l'on. Emerenzio Barbieri (PdL) e il sen. Nino Randazzo (PD) sono stati dislocati in Missouri, gli onorevoli Claudio D'Amico (LNP), Pierluigi Mantini (PD) e il sen. Andrea Marcucci (PD) sono andati nel New Hampshire.
Nel 2010, i parlamentari italiani hanno partecipato ad un Seminario a Washington, in seguito  hanno preso parte ai briefing con esponenti delle forze politiche, dei mezzi di informazioni e della società civile, quindi sono stati dislocati in alcuni stati federali. Il Presidente della delegazione, on. Riccadro Migliori (PdL) e il sen. Andrea Marcucci (PD) hanno partecipato al monitoraggio elettorale a Philadelphia; la sen. Laura Allegrini e l'on. Matteo Mecacci a Washington; gli onorevoli Claudio D'Amico (LNP) e Guglielmo Picchi (PdL) e il sen. Nino Randazzo (PD) sono invece andati nel Colorado, a Denver.
Cooperazione amministrativa
Dal 21 giugno al 16 luglio 2010 un consigliere parlamentare della Camera dei Deputati si è recato presso la Sotto Commissione per l’Europa della Commissione esteri della Camera dei Rappresentanti, su invito del Congresso statunitense, ed è stato associato all’attività dell’organo.
Il 4 giugno 2008 si è svolta presso la Camera la visita di studio di un gruppo di studenti del Dipartimento di Scienze politiche della Virginia Tech University, accompagnati dal prof. Charles L. Taylor, in missione in Europa per approfondire la conoscenza dei sistemi politici di Francia, Germania, Italia e Regno Unito. Gli studenti hanno incontrato un funzionario del Servizio Prerogative ed immunità, che ha tenuto un seminario sui principi dell’ordinamento costituzionale italiano, ed il Capo del Servizio Rapporti internazionali, che ha illustrato loro le principali linee dell’attività internazionale della Camera dei deputati.
UIP
Nella XVI legislatura la sezione di amicizia Italia-Stati Uniti è presieduta dall’on. Marina SERENI (PD), che già nella XV legislatura aveva ricoperto la carica, ed è composta dagli onorevoli Elena Centemero (PdL) e Marco Giovanni Reguzzoni (LNP).
Si rammenta che gli Stati Uniti hanno sospeso la loro partecipazione all’Unione Interparlamentare, in seguito alle critiche spesso subite dai propri rappresentanti presso tale organizzazione.
Attività legislativa
A.C. 826, diiniziativa dell’on. Angela Napoli (Futuro e Libertà. Per l’Italia). Riconoscimento del valore legale delle lauree ad honorem conferite a cittadini italiani dalle università degli Stati Uniti d'America. Presentato alla Camera il 7 maggio 2008. Il 4 agosto 2008 assegnato alla  VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione)in sede referente.Non ancora iniziato l'esame.
A.S. 2913 / A.C. 4878, Ratifica ed esecuzione del Protocollo di modifica dell'Accordo sui trasporti aerei tra gli Stati Uniti d'America, l'Unione Europea e i suoi Stati membri, firmato il 25 e 30 aprile 2007, con Allegati, fatto a Lussemburgo il 24 giugno 2010. Definitivamente approvato il 16 febbraio 2012. Non ancora pubblicato .
Legge n. 164/09del 23 ottobre 2009, GU n. 267 del 16 novembre 2009: Ratifica ed esecuzione dell'Accordo sui trasporti aerei tra l’Unione europea e gli Stati membri, da una parte, e gli Stati Uniti d'America, dall'altra, con allegati, fatto a Bruxelles il 25 aprile 2007 e a Washington il 30 aprile 2007.
Legge n. 216/08  del 30 dicembre 2008, GU n. 21 del 27 gennaio 2009: Ratifica ed esecuzione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo degli Stati Uniti d'America in merito alla conduzione di "ispezioni su sfida" da parte dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, ai sensi della Convenzione sulla proibizione dello sviluppo, produzione, immagazzinamento ed uso di armi chimiche e sulla loro distruzione, fatto a Roma il 27 ottobre 2004.
Legge n. 20/09 del 3 marzo 2009, GU n. 64 del 18 marzo 2009: Ratifica ed esecuzione della Convenzione tra il Governo della Repubblica italiana ed il Governo degli Stati Uniti d'America per evitare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le frodi o le evasioni fiscali, con Protocollo e Verbale d'intesa, fatta a Washington il 25 agosto 1999, con Scambio di Note effettuato a Roma il 10 aprile 2006 e il 27 febbraio 2007.
Legge n. 25/09 del 16 marzo 2009, GU n. 72 del 27 marzo 2009: Ratifica ed esecuzione dei seguenti atti internazionali: a) Strumento così come contemplato dall'articolo 3(2) dell'Accordo di estradizione tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione europea firmato il 25 giugno 2003, in relazione all'applicazione del Trattato di estradizione tra il Governo degli Stati Uniti d'America e il Governo della Repubblica italiana firmato il 13 ottobre 1983, fatto a Roma il 3 maggio 2006; b) Strumento così come contemplato dall'articolo 3(2) dell'Accordo sulla mutua assistenza giudiziaria tra gli Stati Uniti d'America e l'Unione europea firmato il 25 giugno 2003, in relazione all'applicazione del Trattato tra gli Stati Uniti d'America e la Repubblica italiana sulla mutua assistenza in materia penale firmato il 9 novembre 1982, fatto a Roma il 3 maggio 2006.

Nessun commento: