martedì 5 giugno 2012

Fini, il nostro Schettino


Intervista a Lucio Barani
Voce Repubblicana, 5 giugno 2012
di Lanfranco Palazzolo

Nei confronti del Pdl Gianfranco Fini si è comportato esattamente come ha fatto il comandante Schettino nei confronti della sua nave. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il deputato socialista del Pdl Lucio Barani. Il Parlamentare del Pdl nega che i socialisti pensano di sostenere gli ex An che mirano ad allargare la loro sfera di potere nel Pdl. Ecco cosa ci ha detto in questa intervista.
Onorevole Barani, cosa sta succedendo nel Popolo delle libertà dopo la crisi di consensi verificatasi alle ultime elezioni amministrative?
Il Popolo delle libertà non ha perduto consensi, ma una parte del suo elettorato si è rifugiato nell'astensionismo perché non si sono realizzati gli obiettivi con i quali, nel 2008, il Pdl e il suo presidente Silvio Berlusconi aveva presentato il suo programma. Nel 2008 nessuno poteva immaginare una crisi economica e finanziaria di queste proporzioni bibliche, di molto superiore a quella del 1929”.
Il sostegno al Governo Monti è stato un effettivo danno per il Popolo delle libertà? La politica fiscale di questo governo ha scontentato molti esponenti del Pdl. E questo è risultato un grosso problema.
Quello del Pdl al Governo guidato da Mario Monti è stato indubbiamente un sostegno responsabile. Nelle settimane precedenti alla crisi del governo Berlusconi era opinione generale che lo spread era così alto a causa del governo Berlusconi. La stampa catto-comunista, la stampa sovversiva, la stampa golpista, la stampa che nel 1992-94 ha buttato via il 'bambino' con 'l'acqua sporca' invece di pulirlo, ha fatto intendere al popolo italiano che la responsabilità di ogni crisi economica era solo di Silvio Berlusconi. Quando il premier Berlusconi ha lasciato la guida del Governo lo spread 423. Oggi è di gran lunga superiore. Siamo arrivati a circa 480 punti. Al momento delle dimissioni di Berlusconi era a circa 420 punti. Con grande responsabilità, Silvio Berlusconi è riuscito a tenera la barca italiana nonostante qualche ministro – non faccio il nome – abbia remato contro il premier. Inoltre, noi abbiamo dovuto affrontare una nostra crisi. Il Pdl ha avuto il suo comandante Schettino nella persona di Gianfranco Fini che ha lasciato il Popolo delle libertà. Il Pdl è andato sugli scoglia a causa sua”.
L'on. Stracquadanio accusa gli ex di Alleanza nazionale di voler occupare il Pdl con l'appoggio dei socialisti.
Stracquadanio è sbalestrato e non sa quello che dice. Gli ex socialisti riformisti non andranno mai a fare la sponda con gli ex An, che hanno dei mal di pancia. Se le cose continuano ad andare così forse ci vorrebbe una federazione con i riformisti, i moderati, con una loro presenza autonoma diversa dal Pdl. Questa scelta sarebbe opportuna. I socialisti con una formazione nenniana e turatiana la pensano come me”.

Nessun commento: