venerdì 6 luglio 2012

Continueremo a batterci contro questo governo

Voce Repubblicana, 6 luglio 2012
Intervista a Gianvittore Vaccari
di Lanfranco Palazzolo

Anche con la nuova leadership di Maroni continueremo a batterci contro questo governo che non difende le famiglie e le imprese del Nord. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il senatore della Lega Nord Gianvittore Vaccari, membro della Commissione Bilancio di Palazzo Madama.
Senatore Gianvittore Vaccari, come è andato l'ultimo congresso della Lega Nord che ha visto l'elezione di Bobo Maroni come segretario del movimento dopo mesi di polemiche politiche?
Da quando è entrato in carica il Governo Monti abbiamo assunto un atteggiamento di dura opposizione alle scelte fatte dal questo esecutivo. Il nostro obiettivo è quello di difendere le imprese e le famiglie del Nord da questa situazione di gravissima crisi. Anche con la nuova leadership di Maroni continueremo ad opporci a questo governo. Faccio i miei auguri al nuovo segretario. Maroni è uno degli esponenti storici della Lega Nord. I cittadini devono vedere nella Lega il baluardo dei diritti e delle istanze territoriali”.
Pensa che da oggi ci sarà una svolta movimentista della Lega?
Il congresso è stato molto motivato nel manifestare la sua volontà per uscire da questa crisi economica. Tutti hanno richiamato una continuità nel movimento. I nuovi dirigenti devono portare un apporto di novità, anche se la Lega resta sempre la stessa”.
Qual è il rapporto con il Pdl dopo la fine dell'alleanza di governo?
Il problema non è vedere quello che farà la Lega con questi partiti, quanto capire cosa vogliono fare questi partiti del rapporto con la Lega e con l'attuale governo. Noi abbiamo sempre detto che gli accordi vanno fatti con chi porta avanti le nostre istanze. In qualche caso abbiamo fatto anche degli accordi con il Partito democratico”.
Pensa che sarebbe meglio che la guida del Popolo delle libertà tornasse interamente a Berlusconi piuttosto che rimanga nelle mani di Angelino Alfano?
Non voglio evadere la domanda, ma credo che gli equilibri interni al Pdl debbano essere stabiliti in quel partito. Non possiamo essere noi a deciderli. Noi abbiamo fatto un congresso di Lega senza pensare a chi sarebbe piaciuta la leadership di Maroni. Nelle questioni della Lega entrano solo i nostri militanti. La forza del Carroccio è proprio questa. Noi ci rivolgiamo ai nostri iscritti. A noi non interessano gli uomini, ma i contenuti delle nostre battaglie. Infatti, noi facciamo degli accordi politici differenziati in base alle scelte che operano i singoli partiti”.
Qual è il vostro giudizio sul ministro del Welfare Elsa Fornero?
Prima questo ministro ritorna a fare il professore universitario, meglio è per tutto il paese. Ha fatto una riforma delle pensioni creando contrapposizioni e lotte. Monti sta facendo i salti mortali per coprire gli errori della Fornero, che non è apprezzata da nessuno”.

Nessun commento: