venerdì 28 settembre 2012

Meglio votare subito per la Regione Lazio



Intervista a Francesco Storace
Voce Repubblicana, 28 settembre 2012
di Lanfranco Palazzolo

Alla Regione Lazio si deve votare subito. Gli elettori non possono aspettare. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il leader de “La Destra” e consigliere regionale del Lazio Francesco Storace.
Senatore Storace, cosa fare dopo la caduta della Giunta guidata da Renata Polverini? Si andrà all'election day nel 2013 mentre Angelino Alfano ha annunciato che non ricandiderà i presunti corrotti del Pdl?
“Non credo che nel Pdl si arriverà ad un azzeramento delle candidature precedenti. Verranno verificate le situazioni di tutti. Chi è indagato dovrà attendere il verdetto della giustizia. Ma non tutti dovranno rinunciare. Dovranno essere esaminate le situazioni di tutti. Ci vuole un senso di proporzionalità. Sono fatti loro. Facciano quello che vogliono”.
Sulla data delle elezioni?
“La mia opinione è che è necessario andare subito al voto. Non mi piace l'idea di restare qui in Regione senza fare nulla per circa sei mesi”.
L'assessore alla Casa Buontempo sostiene che la crisi della Giunta ha bloccato tante iniziative. Da qui fino al voto avreste qualcosa da fare?
“Dobbiamo andare a votare subito per rimettere in campo queste iniziative”.
Crede che sia tecnicamente possibile votare tra due mesi? Pensa che da questa situazione siano favoriti i partiti come il vostro che raccoglieranno le polveri del Pdl?
“Credo che se la coalizione si ritrova attorno ad una candidatura di chi ci capisce di politica e di Regione si parte. I cittadini vogliono da noi un segnale di una coalizione che ha capito la lezione e tenta di guardare al futuro”.
Il Pd ha guadagnerà le posizioni che aveva  nel 2005?
“Non mi interessa quello che faranno quelli del Pd. Quel partito ha votato i tagli voluti da Renata Polverini e poi i consiglieri del Pd hanno annunciato le loro dimissioni. Ricordo ai dirigenti del Partito democratico che loro sedevano nel Consiglio di Presidenza della Regione Lazio”.
Cosa pensa di quello che ha fatto la Polverini?
“Credo che la Polverini abbia subito un attacco proditorio a livello mediatico. Alla Presidente della Regione Lazio sono state attribuite responsabilità su come sono stati gestiti i fondi della Regione Lazio. Lei ha risposto azzerandoli. Credo che tutto sia stato consequenziale. Il problema è stata la fine anticipata della legislatura”.
La Polverini non si ricandiderà?
“Lei ha detto che non si ricandiderà. Ma se dovesse decidere di ricandidarsi il mio partito sarebbe disposto ad appoggiarla per un'altra campagna elettorale e per un eventuale mandato. E' difficile che la Polverini ci ripensi. Posso solo dire che il rapporto con lei è stato ottimo. Non abbiamo avuto problemi, anche se in passato qualche tensione c'è stata. Sono molto contento dei rapporti che abbiamo avuto con la Polverini. Mi dispiace non poter concludere la legislatura”.

Nessun commento: