martedì 17 gennaio 2012

Cosentino, lo ha salvato il Pd!

Intervista Lucio Barani
Voce Repubblicana del 17 gennaio 2012
di Lanfranco Palazzolo

Anche i deputati di Futuro e libertà, insieme a quelli del Pd e dell’Udc, hanno votato per evitare l’arresto di Nicola Cosentino. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” il deputato del Popolo delle libertà Lucio Barani.
Onorevole Barani, quali sono le sue valutazioni dopo il voto sulla richiesta di arresto dell’onorevole Nicola Cosentino, respinta dalla Camera dei deputati?
“Il dibattito che abbiamo visto giovedì scorso è stato avvilente. Un Parlamento che viene messo sotto scacco dal potere giudiziario non è uno spettacolo edificante. Ricordo che nel dicembre del 2009 la Camera aveva già respinto una richiesta di arresto contro l’onorevole Nicola Cosentino. ‘Questi’, non contenti, hanno cercato di ripetere il tentativo messo in atto nella precedente occasione. In questo modo si cerca di mettere in difficoltà il Parlamento, organo principale della nostra forma di governo e garante della nostra democrazia. E’ un attacco assurdo. Se il Parlamento non si scuote c’è il pericolo di un ritorno alla dittatura. Si tratterebbe del peggior rischio: quello della dittatura giudiziaria”.
Cosa ha pensato dell’esito del voto, che ha impedito l’arresto di Cosentino?
“Il mio giudizio sul voto è molto diverso. Nel mio intervento ho fatto un appello ai parlamentari in aula senza dare indicazioni di voto. Ho solo citato il drammaturgo tedesco Bertold Brecht che, in modo molto serio e comprensibile, aveva detto come gli errori di alcuni, commessi oggi, siano un rischio per il futuro di tutti: dei propri figli, del paese, della democrazia e della libertà. Credo che i colleghi parlamentari abbiamo compreso la mia citazione. Infatti, quando ho fatto questa citazione in aula ci sono stati molti commenti soprattutto da parte dei giustizialisti. In quel momento, gli stessi giustizialisti si sono resi conto che stavano per essere sconfitti”.
Tutte le attenzioni erano rivolte alla Lega. Secondo lei come ha votato il Pd?
“Il contributo del Partito democratico alla salvezza di Nicola Cosentino è stato netto. In questa lista di salvatori ci metto anche l’Udc e qualche parlamentare di Futuro e libertà. Sono stato contattato da parlamentari di questo gruppo che si sono complimentati per il mio intervento, che li aveva fatti riflettere. Non mi hanno detto cosa hanno votato, ma la riflessione di persone intelligenti non poteva che essere a favore della difesa del Parlamento e del garantismo. E questo mi ha fatto molto piacere perché, da socialista garantista, questo era il modo giusto per riflettere sull’assassinio di Bettino Craxi da parte dell’ordine giudiziario”.
Perché il Pd non ha messo in atto la buffonata di alzare il braccio per far vedere come votavano?
“Credo che stavolta non sarebbe stato possibile fare una cosa del genere. Molte braccia non si sarebbero alzate”.