venerdì 16 novembre 2012

Quando la Chiesa predica male



Voce Repubblicana, 16 novembre 2012
Intervista a Walter Peruzzi
di Lanfranco Palazzolo

La Chiesa cattolica predica male indipendentemente da come razzoli. Lo ha detto alla “Voce Repubblicana” Walter Peruzzi, autore de “Il cattolicesimo reale. Attraverso i testi della Bibbia, deo papi, dei dottori della Chiesa, dei concili”, volume edito da Odradek.
Walter Peruzzi, lei ha scritto un saggio voluminoso per spiegare a tutti quali sono state le posizioni assunte dalla Chiesa cattolica sui principali temi di dibattito politico. Come è nata l'idea di questo libro?
“L'idea di questo volume è nata da un'esigenza politica, anche se questo libro politico non è. L'invasività della Chiesa cattolica nella vita politica italiana è evidente. Lo Stato della Chiesa pensa di fondare le norme dello Stato italiano sui principi religiosi e su quelli della morale cattolica. Ecco perché ho ritenuto giusto entrare nel merito dei principi della dottrina cattolica che pretende di essere la guida della nostra società. Lo spunto ad esaminare questa dottrina deriva proprio dalla sua invasività. Se si trattasse di una dottrina divulgata tra i fedeli e essere fatta conoscere senza pretendere di influenzare e condizionare la vita sociale di chi credente non è il discorso si porrebbe in modo diverso”.
Cosa c'è che non va nel comportamento della Chiesa cattolica?
“Il problema è che pretende di dettare comportamenti anche a chi non crede ai suoi principi. Ecco perché non basta solo dire che la Chiesa non deve imporre questi principi per difendere la laicità. Ecco perché ho deciso di scrivere un libro di questo genere. Ho voluto dimostrare quali sono state le posizioni della Chiesa cattolica per dimostrare che la Chiesa non può essere una guida spirituale attendibile alla luce delle posizioni prese nel corso della sua storia”.
Quali sono le contraddizioni emerse?
“Il cattolicesimo, che pretende di essere una guida morale, in realtà tanto morale non è. Questo è il problema. Se noi guardiamo le posizioni della Chiesa dalla morale sessuale, all'emancipazione della donna scopriamo posizioni che oggi sono inaccettabili per le società democratiche. Ma io non ho voluto soffermarmi sui comportamenti degli uomini della Chiesa e ho voluto fare un libro sulle idee della Chiesa. In alcuni casi la Chiesa ha chiesto scusa per gli errori del passato, ma hanno descritto questi errori come contrastanti rispetto alla bontà della loro dottrina. Il problema che ho voluto mettere in evidenza è che la Chiesa non predica bene e razzola male. Ma predica male indipendentemente da come razzoli. Il problema è che la dottrina della Chiesa ha giustificato la messa a morte degli eretici. La dottrina cattolica ha giustificato l'omicidio. Ed è questo il punto. La dottrina cattolica è contraria ai diritti umani. E questo è scritto con evidenza nella Bibbia e nei documenti dei pontefici”.