martedì 8 gennaio 2013

Monti ha utilizzato il servizio pubblico in modo spregiudicato



Voce Repubblicana, 8 gennaio 2013
Intervista ad Alessio Butti 
di Lanfranco Palazzolo

Monti ha fatto un uso spregiudicato del servizio pubblico della Rai. Lo ha detto alla “Voce” il senatore di FDI-CN Alessio Butti.
Senatore Butti, la Commissione di Vigilanza sulla Rai ha deciso di scrivere le regole della prossima campagna elettorale. E’ contento di come la Commissione ha affrontato la questione?
“In una seduta così importante, come quella che doveva stabilire il regolamento sulla Par condicio, è evidente che si siano manifestate molte tensioni. Alcune polemiche sollevate nel corso della seduta sono state pretestuose. Ho visto molta disorganizzazione soprattutto nei gruppi parlamentari più grandi. Credo che, alla fine, sia stato emanato un regolamento tutto sommato accettabile. Avremmo potuto fare di meglio se fossero stati accettati alcuni emendamenti. E’ importante che vi fosse un pieno rispetto della legge 28 del 2000, quella sul rispetto della Par condicio, tenendo conto di quelle che sono le debite proporzioni dei gruppi esistenti e dei partiti esistenti”.
Perché si è deciso di evitare dei confronti diretti tra leader di coalizione, così come si è fatto, invece, per le elezioni regionali? Teme che sia un errore considerando il grande successo ottenuto dai faccia a faccia che gli italiani hanno visto nelle ultime primarie del Pd?
“Questa è una domanda che andrebbe fatta ai colleghi del Partito democratico e del Popolo delle libertà. Io sono sempre stato favorevole a questo tipo di confronto televisivo. Probabilmente la Rai avrebbe avuto qualche difficoltà vista la vasta platea dei pretendenti per organizzare questi faccia a faccia. Il problema è quello di ingolfare il palinsesto della Rai tra interviste, tribune e messaggi autogestiti. Secondo me è stato un errore impedire i faccia a faccia, ma posso comprendere questa scelta”.
E’ stato un bene cancellare la presenza di Mario Monti a Domenica In da Massimo Giletti?
“Sì, perché il Presidente del Consiglio Mario Monti sta facendo un uso disinvolto e spregiudicato della Rai. Voglio ricordare a tutti quanti che, qualche mese fa, quando Mario Monti decise ed impose la nuova Presidente della Rai Tarantola. Quando Monti impose questa nuova efficienza del servizio pubblico lontana dai partiti lui stava nientemeno che organizzando la sua entrata in politica. La dimostrazione è stata che Monti è stato, in assoluto, il più presente su tutti i tg e su tutti i programmi radiofonici di comunicazione Rai. I numeri parlano chiaro. Monti ci aveva detto che non sarebbe mai entrato in politica. E invece ha utilizzato anche la Conferenza stampa istituzionale di fine anno per lanciare il suo soggetto politico. Vorrei segnalare la schifezza della soppressione di un tg nazionale per proseguire la diretta di Monti. Questo è un atteggiamento di sussiego nei confronti di Monti”.  

Nessun commento: