mercoledì 15 gennaio 2014

Benvenuti nella Boldrini television



IL TEMPO
15 gennaio 2014
di Lanfranco Palazzolo

               Signore e signori, benvenuti alle trasmissioni della “Boldrini television”. Sono in pochi a saperlo, ma dalla fine di novembre la Presidente della Camera Laura Boldrini ha dato il via ad un'iniziativa singolare. Ogni settimana la terza carica dello Stato racconta i lavori della Camera dei deputati, a modo suo, sul canale youtube dell'assemblea di Montecitorio (http://www.youtube.com/user/cameradeideputati), spiegando quali sono stati i provvedimenti approvati dalla camera bassa e le iniziative dell'Ufficio di Presidenza di Montecitorio. Questi video non hanno ottenuto l'audience sperata. Se si esclude il “successo” del video del 14 dicembre scorso, che ha totalizzato 3154 video spettatori, gli altri non hanno sono arrivati nemmeno a 1000 spettatori. Un autentico flop mediatico, a dispetto della mobilitazione messa in atto da “La Presidente”. Gli altri canali delle assemblee elettive su youtube, e anche quella del Senato italiano, non ospitano certo gli interventi video dei loro presidenti, ma si preoccupano di illustrare cosa accade nella Camera dei deputati. Questo, ad esempio, è il modello della Camera dei Comuni inglese che ogni settimana pubblica il dibattito settimanale con Premier David Cameron e non gli interventi dello speaker, che certo non penserebbe mai di ritagliarsi un simile spazio per farsi pubblicità. Ma in questi messaggi c'è anche un altro aspetto inquietante. Laura Boldrini ha disabilitato i commenti ai suoi messaggi. Una scelta assai poco democratica rispetto alle sue dichiarate tradizioni di donna vicino alle masse. Nel canale youtube Uk Parliament i commenti vengono pubblicati senza censura preventiva. Chi ha scritto questo articolo ne ha pubblicato uno ieri sull'intervento di Cameron lo scorso 8 gennaio. Ma cosa dice Laura Boldrini in questi video e come si muove? La terza carica dello Stato si dimostra ancora troppo impacciata. Il primo video del 23 novembre (576 spettatori) la mostra tesa e con la mano destra in movimento mentre illustra i provvedimenti varati dalla Camera e le mozioni discusse, liquidando in tre righe la mozione di sfiducia contro il guardasigilli: “..e subito dopo – ha detto in breve la Presidente - la Camera ha discusso e respinto la mozione di sfiducia individuale nei confronti della ministra della giustizia Anna Maria Cancellieri”. Il quadro fornito dalla Boldrini è esaustivo? Secondo alcuni deputati no. Molti parlamentari si sono risentiti del fatto che alcuni temi vengono ignorati. Nel suo terzo video la Boldrini non fa progressi e gesticola con tutte e due le mani, raccontando ai suoi 860 videospettatori che quella settimana sono state decise ulteriori misure di riduzione, lanciando una bordata contro la stampa parlamentare: “Il risparmio per il triennio 2014 2016 sarà di circa 23 milioni e mezzo. Ve ne do notizia io. Anche perché difficilmente ne troverete traccia le cronache parlamentari”. Le cronache parlamentari invece si occupano molto del viaggio della Boldrini in Sudafrica insieme al suo compagno. Ma nell'esordio del messaggio più popolare, quello del 14 dicembre, la Presidente racconta così il suo viaggio: “Lunedì sera insieme al Presidente del Consiglio Enrico Letta siamo partiti per Johannesburg dove abbiamo rappresentato l'Italia alla commemorazione di Nelson Mandela. La sua lezione, quella di trasformare la rabbia in energia positiva, dovrebbe essere seguita veramente da tutti, anche qui in Italia, dove la rabbia si sta manifestando in questi giorni in forme clamorose e purtroppo a volte anche anche violente. Credo che non ci si debba sorprendere della protesta. C'è una crisi lunga  e pesante con la quale conviviamo da anni. L'inversione di tendenza la vedono più che altro gli studiosi di economia, ma non ancora i cittadini. Dunque il malessere ha tante ragioni”. Questo passaggio è da antologia. Mentre Nelson Mandela aveva il merito di trasformare la rabbia in energia positiva, la terza carica dello Stato attacca gli economisti e legittima le proteste. E l'esempio di Nelson Mandela?! Buonanotte e fine delle trasmissioni.

Nessun commento: