domenica 9 agosto 2015

La strage (che c'è stata) e che nessuno vuol vedere

Questo libro di Riccardo Bocca, "Tutta un'altra strage" (Rizzoli), è senza dubbio uno dei volumi più interessanti che ho avuto modo di leggere negli ultimi anni. Grazie a questo saggio e alla lettura della sentenza sulla strage di Bologna mi sono convinto della giustezza del pronunciamento dei giudici. Non voglio dire nulla sugli "autori" della strage, ma è fin troppo evidente il motivo per il quale i due ex terroristi di destra sono difesi da tanti intellettuali di sinistra. La riabilitazione dei due "sciagurati", come li chiama Gianpiero Mughini, è dovuta alla necessita di riabilitare, anzi "perdonare" "tutto" il terrorismo. Una volta detta questa banalità, il passaggio del libro che mi ha convinto della colpevolezza dei condannati è il cumulo di versioni cambiate dai colpevoli sull'alibi del 2 agosto e la testimonianza di Sparti, che certo non poteva avere alcun interesse ad incolpare i due. Se in queste settimane volete riflettere su come vengono giudicati e utilizzati politicamente i crimini dei terroristi vi invito a leggere questo libro e vi autorizzo a farvi il segno della croce ogni volta che prendete un treno. Certo, non a tutti - e me per primo - farà piacere sapere che gli autori di certi fatti possono riuscire a trasformarsi in altro da quello che effettivamente sono stati.

Nessun commento: